Home Page
A chi si rivolge
Edizioni Passate
Photo Gallery
Esposizione  
 
Conferenze  
 
Sponsor  
 
Media Partner  
 
Board  
 
Press  
 
Percorso QUID  
 
Osservatorio QUID  
 
   
 

L’automazione del primo e dell’ultimo miglio per corrieri e servizi postali

Una soluzione a tutto tondo e completamente automatizzata per trasferire nell’ambito del self-service la consegna e la presa di buste, pacchi e corrispondenza in generale, assicurando convenienza, rapidità, disponibilità continua nel tempo e garantendo la massima sicurezza.
www.keba.com/it


Gli operatori postali e i corrieri incontrano frequentemente il problema dei mancati recapiti della corrispondenza e dei pacchi a causa dalla non disponibilità dei destinatari, contrattempo che genera un dispendio di risorse essendo necessario effettuare una riconsegna. Allo stesso modo molti utenti, siano essi cittadini o realtà aziendali, trovano sconveniente doversi recare presso un ufficio postale per una spedizione oppure chiamare una presa con il corriere, dovendo rispettare in entrambi i casi gli orari del servizio.

Il servizio self service
L’austriaca Keba propone da più di dieci anni una soluzione per la raccolta e la distribuzione dei pacchi e della corrispondenza che consiste in un apparecchio composto da una serie di vani in cui l’operatore può collocare la corrispondenza e l’utente finale la può ritirare in qualsiasi momento, essendo solo lui in possesso del codice per aprire il comparto contenente quanto a lui destinato. Similmente a quanto avviene con il prelievo di denaro presso gli sportelli Bancomat, l’utente può quindi recarsi presso uno di questi macchinari a qualsiasi ora della giornata, con l’indiscutibile vantaggio di essere completamente autonomo in merito alla tempistica con cui svolgere l’operazione. Ovviamente vale anche il contrario, potendo l’utente consegnare all’apparecchio quanto desidera spedire, che sarà poi prelevato dall’operatore postale.

Vantaggi su più fronti
Fin qui i vantaggi in termini di comodità per gli utenti. Ci sono però indubbi benefici anche per gli operatori postali e logistici, i quali vedono ridursi i costi di trasporto e l’altrimenti onerosa gestione di resi e mancate consegne. Il tutto si traduce anche in una spinta economica per settori oggi trainanti come quello dell’e-commerce, con conseguente attenzione a soluzioni di questo tipo non solo da parte degli operatori postali e dei corrieri, ma anche di svariate realtà interessate a fornire dei servizi innovativi, ad esempio società aeroportuali o catene di stazioni di servizio che decidono di utilizzare i propri spazi per offrire alla clientela servizi evoluti.

Ne è la prova il successo ottenuto: la soluzione KePol è già stata adottata in molti Paesi con più di 3.000 installazioni (dalla Germania alla Danimarca, ma anche in Russia, Turchia e negli Emirati Arabi) e ora qualcosa si sta muovendo anche in Italia.

Una soluzione completa
Una tipica infrastruttura KePol consiste in un componente software, ossia un hub centralizzato per la gestione delle operazioni che può essere ovviamente personalizzato a seconda delle esigenze e integrato in architetture preesistenti, e in una serie di chioschi da collocare tipicamente in ambienti ad alta frequentazione. Questi rappresentano lo stato dell’arte della tecnologia Keba: possono essere collocati indoor, ad esempio all’interno degli uffici postali creando così una situazione simile alle aree self service delle banche con cui già molte persone hanno confidenza, o anche outdoor; in questo caso le stazioni in acciaio inossidabile sono progettate per funzionare con temperature fino a 40 gradi sotto zero e con qualsiasi condizione meteorologica.

Ogni stazione è dotata di vani di quattro misure e di un’interfaccia per l’interazione con l’utente, consistente in uno schermo touch a colori 12,1 pollici, un modulo per i pagamenti con lettore di schede e PIN-Pad, una stampante per etichette per i pacchetti e le ricevute e un lettore di codici a barre omnidirezionale. Ognuno di questi moduli dispone di 16 vani, ma è possibile integrare fino a 39 moduli per creare così delle stazioni dalle forme più varie, in modo da adattarsi a ogni tipo di ambiente.

Non manca, infine, il collegamento H24 con una centrale di assistenza online, che permette di avere qualsiasi tipo di supporto in caso di necessità, come anche una guida se l’utente non sa come procedere.

 
   


QUID: 1° Salone italiano
delle soluzioni di identificazione automatica per l'innovazione dei processi e dei servizi

27-28 GIUGNO 2012
CENTRO CONGRESSI
MILANOFIORI - MILANO

 
 
© Wise Media S.p.A. 2012
Organizzato da: